climbnew
Climb Games area
Il Centro Alpiteca è costituita da un’area sportiva indoor ed una outdoor in cui sono presenti una zona per l'allenamento e numerosi volumi su cui sono tracciati itinerari di vario genere e difficoltà:
frecciablu Pan Gullich • E' un attrezzo finalizzato al potenziamento della forza delle dita che prende il nome dal suo inventore Wolfgang Gullich; gli effetti allenanti si protraggono alle braccia e coinvolgono anche la parete addominale ed i muscoli della schiena. Costruito interamente in legno, comprende un pannello di supporto al quale sono fissati parallelamente al suolo listelli equidistanti fra loro.
frecciablu System wall • E' uno strumento di allenamento per l’arrampicata costituito da prese simmetriche che si può definire come una via di mezzo tra un Pan Gullich e un muro Boulder o in alte parole, un “Pan” con i piedi.
frecciablu Zona Boulder • E' composta da una serie di volumi di varia forma alti sino a 5 metri protetti da materassi.
frecciablu Zona Lead • E' formata da pareti alte sino a 12 metri con inclinazione variabile attrezzate sia per l’arrampicata da primi di cordata che in top rope.
 
biblionew Bilioteca Quintino Perotti
Presso il Centro è allestita un’area biblioteca in cui vengono organizzati eventi, incontri, mostre e convegni con l’obiettivo di divulgare la conoscenza della montagna anche dal punto di vista culturale. Lo spazio è dotato di una libreria in cui sono raccolti libri e guide che hanno per oggetto l’ambiente naturale in tutte le sue declinazioni ed uno schermo su cui vengono proiettate pellicole e video di documentari e film a soggetto, antichi e recenti, dedicati all’alpinismo, all’esplorazione e ad ogni altro aspetto legato alla montagna. La biblioteca è dedicata a Quintino Perotti, che nasce il 17 agosto 1906 al rifugio Quintino Sella inaugurato l’anno precedente ai piedi del versante orientale del Monviso e sin da giovane, sulle tracce del padre Claudio detto “Farina”, insieme con i fratelli Giovanni e Claudio Junior soprannominato “Visolotto” abbraccia la tradizione di famiglia dedicandosi al mestiere di Guida alpina concludendo, al termine del 1980, una lunga e notevole carriera professionale con all’attivo ben 749 ascensioni in vetta all’amato Monviso, primato tuttora insuperato.